Non solo Cavallini, Tori e Giaguari ci sono anche le Simca con un club

Simca, ovvero Société Industrielle de Mécanique et de Carrosserie Automobile, è uno di quei marchi dimenticati o, peggio ancora, snobbati. Ma il motorismo storico non è fatto solo di Cavallini, Tori, Giaguari e via enumerando gli animali legati a costruttori prestigiosi. Ci sono anche tante altre Case meritevoli di attenzione. Questo è uno dei motivi che hanno indotto Marcello Cioli, Franca Rigo e Lucia Favretto a dare vita, proprio di recente, al Simca Historiclub, che sarà presente al Salone d’Inverno per farsi conoscere dagli estimatori del marchio e da tutti gli appassionati di motorismo storico. Le Simca – è vero – sono state vetture non certo elitarie, ma è pure vero che il loro spirito “open” lo hanno trasferito anche nel mondo delle competizioni: modelli come la Rallye 1 o la Rallye 2 sono stati una porta di accesso, a buon mercato, per tanti appassionati altrimenti condannati a restare spettatori.

Bene, il Simca Historiclub, facendo tesoro della cultura motoristica dei suoi animatori, si propone di recuperare (e salvare da una fine indecorosa) le vetture di questo marchio spesso dimenticate o snobbate perché non prestigiose. Ma questa sarebbe solo una bella utopia, se non ci fosse che tra gli obiettivi del club anche quello di porsi come punto di riferimento per consentire agli appassionati di trovare i ricambi necessari per restauri o anche semplici riparazioni, spendendo cifre ragionevoli. Uno dei motivi che hanno indotto alla creazione di un Simca club italiano è stata anche la constatazione di quanto sono numerosi su Facebook gli estimatori del marchio fondato da Enrico Teodoro Pigozzi a Parigi nel 1934, ma, al tempo stesso, ci si è resi conto che mancava un punto di riferimento, almeno fino alla nascita di questo club. Uno degli scopi del club, oltre alla conservazione di un patrimonio storico, è infatti anche quello di creare un punto di riferimento certo per gli appassionati; in più questo sodalizio costituirà anche il registro storico del marchio regolarmente riconosciuto.

Al Salone d’Inverno, potrete saperne di più del Simca Hitoriclub direttamente dai fondatori del sodalizio. Se intanto volete prendere contatto, l’indirizzo mail è: info@simcahistoriclub.com.

Per chi volesse parlare con Marcello Cioli, il numero di telefono è 347.7089350.

Nella foto, una rarissima versione pick-up della Simca 1100 “Canguro” che sarà esposta al Salone d’Inverno.

By | 2017-05-14T18:34:10+00:00 2017, 01, 19|Salone d'Inverno 2017|